Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 22 Settembre 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« September 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Pierpaolo Iantorno: "Basta così: andiamo oltre, andiamo avanti, dalla nostra amministrazione solo la verità"

Posted On Martedì, 05 Febbraio 2019 10:04
Pierpaolo Iantorno e Marcello Manna Pierpaolo Iantorno e Marcello Manna

"Dagli atti e dai fatti amministrativi e contabili, passati peraltro al vaglio dei Superiori Organi Istituzionali di controllo e certificazione, riportiamo, qui di seguito, i dati arrotondati del debito complessivo che Noi rendesi abbiamo ereditato in un contesto cittadino generale di declino e degrado: €.44.000.000 finanziamenti e mutui (rata annuale €.3.900.000 sino al 2044); €.3.700.000 prima anticipazione di liquidità a pagamento di partite commerciali (rata annuale €.140.000) + €.11.100.000 seconda anticipazione di liquidità a pagamento di partite commerciali (rata annuale €.330.000) + €.10.800.000 fondo di rotazione a copertura dei debiti fuori bilancio all’epoca commissariale quantificati per €.8.400.000 (rata annuale €.340.000) + €.13.400.000 disavanzo tecnico da riaccertamento straordinario dei residui attivi e passivi per armonizzazione contabile (rata annuale €.450.000) = sub totale patologico €.39.000.000; €.1.300.000 transazione ATI Piano Lago + €.2.500.000 transazione ENI Divisione Gas&Power + €.600.000 transazione ENEL Sole + €.300.000 transazione per mancati espropri = sub totale patologico €.4.700.000. Totale €.87.700.000."

E' quanto scrive in una nota l'Assessore al Bilancio, Patrimonio e Tributi della Città di Rende Pierpaolo Iantorno. "Oltre, ovviamente, il contenzioso pendente, a vecchio e nuovo ad evidenza comunque dell’abnorme tasso di litigiosità, che, da ultima analisi svolta nel primo semestre 2018, ha stimato rischi di soccombenza per un controvalore di oltre €.1.600.000 a cui va aggiunta, purtroppo per Noi, la sentenza di condanna in primo grado per il fallimento Valle Crati S.p.A. pari ad €.2.837.000 più il resto come per legge. E tante ma tante altre partite che Noi abbiamo ereditato e accettato integralmente e responsabilmente per il bene comune, risolto, stiamo affrontando e continueremo l’opera di risanamento e consolidamento dei conti pubblici fondamentale per il rilancio della Nostra Città di nuovo centrale ed attrattiva. Chiara, quindi, è stata, è e sarà la politica di bilancio impostata su obiettivi a breve (risanamento e consolidamento) e medio-lungo termine (autosufficienza economico-finanziaria e sostenibilità), comprese le attività di recupero per gli esercizi pregressi e di risparmio per il corrente ed il futuro sulle imposte IVA e IRAP e non di pagamento."

"La suddescritta situazione in costanza con le scelte dello Stato che ha ridotto i trasferimenti, rispetto al solo 2014, per €.2.700.000. A causa della crisi governativa e conseguente effetto dei fabbisogni standard e delle capacità fiscali, oltre modo penalizzanti per una città giovane come Rende, i trasferimenti dello Stato sono stati: nel 2014 €.7.800.000, nel 2015 €.4.600.000, nel 2016 €.5.500.000, nel 2017 €.5.100.000 così come nel 2018, a comprimere ulteriormente la spesa per manutenzioni e servizi vari. In ogni caso, il passato è passato, quello di Rende poi è storia che a tutti Noi insegna e fortifica per la gestione del presente e, soprattutto, la costruzione del futuro che dia opportunità ai Nostri figli ed alle nuove generazioni."

 

 

 

 

 

Search