Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 16 Dicembre 2018
itenfrdees
« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Presentazione all’Università della Calabria del libro “Nessuno tocchi Lucignolo”, con Loredana Caruso e Claudio Dionesalvi

Posted On Martedì, 04 Dicembre 2018 10:45

Si terrà oggi, martedì 4 dicembre, alle ore 14.45 presso l’aula Solano dell’Università della Calabria (Cubo 19/B ponte carrabile) la presentazione del libro: "Nessun tocchi Lucignolo", curato dall’educatrice Loredana Caruso e dal Prof. Claudio Dionesalvi, docente e giornalista de Il Manifesto. All’incontro coordinato da Giancarlo Costabile del Laboratorio di Pedagogia dell’Antimafia dell’Unical, parteciperanno, oltre agli Autori, anche gli attori Antonio Filippelli e Roberto Giacomantonio, e l’editore Emilio Pellegrino.

Loredana Caruso e Claudio Dionesalvi saranno premiati per la loro costante attività di promozione della cultura solidale e democratica, sempre a sostegno degli esclusi e degli Ultimi.

"Questo testo - scrive Giancarlo Costabile - mette in discussione i principi della scuola-azienda prodotto del neoliberismo. Tra sfruttamento del precariato e insegnamento ridotto a mero addestramento ai nuovi mantra del potere globale, gli Autori, ci restituiscono un impietoso ritratto della scuola italiana, sempre più lontana dai valori chiave della nostra Costituzione repubblicana. Claudio Dionesalvi e Loredana Caruso - chiude Costabile - hanno il merito di restituirci una riflessione organica sul senso dell’educazione e sul ruolo del docente nella società odierna. Le loro storie di intellettuali militanti ed educatori illuminati sono un patrimonio fondamentale per tutti coloro i quali vedono nell’istruzione pubblica uno spazio di resistenza alla violenza disumanizzante dell’ideologia capitalistica".

 

 

Search