Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 16 Dicembre 2018
itenfrdees
« December 2018 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            

Viabilità di emergenza a Castrolibero, ma non troppo! MEETUP Amici di Beppe Grillo

Posted On Mercoledì, 05 Dicembre 2018 09:58

"Il Comune chiude (un po') il passaggio a Via San Marco e Via Leandro, in perfetta insicurezza! Dal 27 novembre a via Leandro e dal 28 novembre a Via San Marco, osserviamo la presenza di timide segnalazioni di interdizione alla circolazione per motivi di sicurezza. Sempre per motivi di sicurezza, però, si usano transenne semiaperte, totalmente invisibili la notte,sino a quando non gli si arriva addosso, cartellonistica inadeguata, danneggiata e totalmente non a norma. Perché è così?"

E' quanto scrive in una nota Giovanni Redente, Attivista, per il Meetup Amici di Beppe Grillo di Castrolibero (CS). "Perché, ai sensi del Regolamento di esecuzione e di attuazione del nuovo codice della strada - DPR n. 495/92 e successive modificazioni, l’art. 30 (art. 21 Codice della strada) dovrebbe accadere che: comma 2: PER MOTIVI DI VISIBILITA’ i segnali di pericolo o di indicazione da utilizzare per il segnalamento temporaneo hanno colore di fondo giallo. I segnali adottati sono tutti NON a norma, danneggiati ed insufficienti ad avvisare vetture in attivo anche a velocità modeste. Comma 8: “Nel caso di cantieri che interessino la sede di autostrade, di strade extraurbane principali o di strade urbane di scorrimento o di quartiere, i lavori devono essere svolti in più turni, anche utilizzando l'intero arco della giornata, e in via prioritaria, nei periodi giornalieri di minimo impegno della strada da parte dei flussi veicolari."

"NON si vede nessuno, ma proprio nessuno, che lavora od effettua operazioni sul manufatto stradale: si aspetta solo di vedere se la collina continua a cadere, nel mentre che piove e nel frattempo teniamo formalmente chiusa la strade, vedi mai qualcuno si dovesse fare male! Ma in effetti la strada è “chiusina chiusetta”, così ci si può passare, magari spostando la transenna a mano, sì, proprio quella che non si vede di notte, se no i cittadini che ci abitano, si arrabbiano! Comma 9: Il ripristino delle condizioni di transitabilità a seguito di un qualsiasi danneggiamento subíto dalle sedi stradali sopraindicate deve avere inizio immediatamente dopo la cessazione dell'evento che ha determinato il danneggiamento stesso."

"Macché! Nessuno in vista! Si potrebbe andare avanti, ma ci si ferma per carità di Patria! Invitiamo l’Amministrazione comunale fornire gli uffici degli strumenti minimi, almeno sufficienti a ripristinare, anche in questo ambito, un minimo di aderenza alla Norma, ma non per pura elucubrazione mentale, ma per la sicurezza dei cittadini automobilisti.Invece di pensare "solo" alle cose grandi da fare in fretta, pensiamo anche alle cose piccole ed utili, da fare in fretta."

 

 

Search