Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 19 Febbraio 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« February 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      

Ultrà investito prima della partita Inter-Napoli, 9 indagati. Il padre della vittima: "Era un casinista, un tifoso, ma non violento"

Posted On Venerdì, 28 Dicembre 2018 10:06
Daniele Belardinelli Daniele Belardinelli

Si chiama Daniele Belardinelli il tifoso dell'Inter morto investito a Milano in via Novara dove, prima della partita con il Napoli, ultras nerazzurri hanno attaccato alcuni pulmini di tifosi partenopei. Originario di Varese, 35 anni, Belardinelli aveva ricevuto in passato almeno un Daspo di cinque anni. Sono complessivamente nove, compresi i tre interisti già in carcere, gli indagati per gli scontri di mercoledì sera. Per tutti l'accusa è di rissa aggravata, mentre gli investigatori della Digos sono ancora al lavoro per identificare il conducente del Suv che ha investito e ucciso Belardinelli.

Belardinelli - secondo quanto riferito dalla questura di Varese - era sorvegliato speciale per reati connessi a manifestazioni sportive. Era stato oggetto di "diversi provvedimenti di Daspo, l'ultimo dei quali concluso nel 2017. Belardinelli era riconosciuto a Varese come uno dei capi dei 'Blood Honour', la frangia più estrema del tifo biancorosso che è storicamente gemellato con quello dell'Inter. Un Daspo di cinque anni risale al novembre 2007, per gli scontri a margine di Varese-Lumezzane, un altro al luglio 2012, quando Belardinelli era a Como per l'amichevole estiva tra la squadra locale e l'Inter. Questa mattina alcuni ultrà dei "Blood Honour" si sono radunati davanti allo stadio comunale chiedendo novità sulle condizioni del loro compagno poi deceduto all'ospedale San Carlo di Milano.

L'investimento, secondo quanto ricostruito finora, sarebbe il momento conclusivo di scontri tra tifosi di opposte fazioni avvenuto in via Novara intorno alle 19.30. I magistrati stanno anzitutto accertando se vi sia una relazione tra gli incidenti e l'investimento. Certa è invece l'ipotesi di reato contestata ai tre tifosi interisti allo stato indagati: rissa aggravata e lesioni. "Un'azione squadristica ignobile" è il modo in cui il questore di Milano ha definito 'l'attacco' da parte di oltre cento ultrà dell'Inter, del Varese e del Nizza ad alcuni pulmini di tifosi napoletani, ieri sera prima della partita Inter Napoli.

Ancora da chiarire la dinamica dell'investimento. Lo ha spiegato lo stesso questore Marcello Cardona, il quale ha detto che si sta lavorando sulle immagini delle telecamere di sorveglianza in cui compare un suv scuro che potrebbe aver investito la vittima. Ad investirlo quindi non sarebbe stato uno dei van a bordo dei quali si trovavano i tifosi napoletani. Il questore ha parlato di "gravissimi incidenti". Anche 4 tifosi napoletani hanno riportato ferite da taglio e contusioni negli scontri precedenti l'incontro Inter-Napoli. L'investimento e il ferimento dei 4 napoletani sono trattati in modo distinto. I due interisti già arrestati sono accusati di rissa aggravata mentre si sta lavorando per identificare chi era alla guida del suv che sarebbe estraneo agli incidenti.

Erano "oltre 100" - ha evidenziato - gli ultras interisti, ma tra loro vi erano anche supporter del Varese e del Nizza, che prima dell'incontro Inter-Napoli hanno preso d'assalto pulmini con a bordo tifosi partenopei. Il questore Cardona ha poi spiegato che nelle immagini si vede un suv sulla corsia di sorpasso che travolge Belardinelli. Non si conosce chi era alla guida e "non abbiamo nemmeno la certezza che se ne sia accorto" ha aggiunto Cardona. Sono stati gli stessi tifosi del Napoli a richiamare l'attenzione degli interisti su Belardinelli a terra.

Tre tifosi dell'Inter sono stati arrestati in relazione agli scontri con l'accusa è di rissa aggravata e di lesioni. Gli agenti della Digos hanno eseguito numerose perquisizioni a carico di supporter interisti e del Varese. "Chiederò al comitato per l'ordine pubblico - ha detto il questore - il blocco delle trasferte dei tifosi dell'Inter per tutta la stagione, e la chiusura della curva dell'Inter a San Siro fino al 31 marzo 2019".

"Si attendono i risultati dell'autopsia per capire come è successo. Si dice che lui scappava e la vettura gli è andata dietro e lo ha investito". Lo dice al TG1 Rai Vincenzo Belardinelli, padre di Daniele. "Magari è stato un incidente. Io non dico che ce l'aveva con lui. Certo uno va a vedere una partita in santa pace e sa che va ma non sa se torna". Alla domanda se fosse in mezzo agli ultras varesini armati di spranghe pronti a tendere un agguato alle vetture dei tifosi partenopei, risponde così: "Forse era in mezzo alla mischia, ma non penso che fosse con la spranga". Papà Belardinelli riconosce che il figlio era un ultrà un po' turbolento. "Che aveva avuto il Daspo lo sapete tutti - dice -. Era un casinista, un tifoso, ma non violento. Da padre posso dire che era un bravo ragazzo. Secondo me si è sempre comportato bene. Forse era un po' violento quando andava in questi posti. Ma il ricordo di mio figlio è bello".

 

 

 

 

Search