Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 19 Febbraio 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« February 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      

Accordo raggiunto dal premier Giuseppe Conte con Germania, Francia, Portogallo, Romania e Malta, Sea Watch verso la svolta

Posted On Mercoledì, 30 Gennaio 2019 09:13

Novità già nelle prossime ore sulla Sea Watch 3, dopo l’accordo raggiunto dal premier Giuseppe Conte con Germania, Francia, Portogallo, Romania e Malta per la distribuzione dei 47 migranti a bordo della nave battente bandiera olandese ormai da 12 giorni in mare e da 5 nella rada di Siracusa. La gestione dello sbarco dei migranti e della fase successiva - con la distribuzione nei paesi interessati dall’accordo stretto da Conte a Cipro - è stata al centro del vertice a palazzo Chigi terminato a tarda notte, attorno all’1 e 30, tra il presidente del consiglio e i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Iniziato poco dopo la mezzanotte, sul tavolo anche il caso Diciotti, nuova spina nel fianco dell’esecutivo giallo verde. Poco prima del vertice a Chigi, Di Maio ha riunito per oltre due ore i membri Grillini della giunta sulle immunità - l’organismo Che dovrà pronunciarsi nei confronti del responsabile del Viminale per il presunto sequestro della nave Diciotti a fine agosto - in un’abitazione privata a due passi da Castel Sant’Angelo.

Bocche cucite sull’incontro e sui possibili sviluppi per il M5S. Per ora, resta fermo il sì dei 5 stelle all’autorizzazione a procedere. Ma i vertici del Movimento vacillano e continuano a interrogarsi sul da farsi, alle prese con una vicenda che da un lato rischia di spaccare il Movimento, dall’altro potrebbe mettere seriamente a rischio la tenuta stessa del governo giallo verde.

 

 

Search