Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 19 Marzo 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« March 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31

Il femminicidio di Riccione. Tempesta emotiva, il giudice che ha dimezzato la pena si difende. Il caso finisce in Cassazione

Posted On Mercoledì, 06 Marzo 2019 09:41

Ve lo ricordate il delitto d’onore? Art. 377: "Per i delitti preveduti nei capi precedenti, se il fatto sia commesso dal coniuge, ovvero da un ascendente, o dal fratello o dalla sorella, sopra la persona del coniuge, della discendente, della sorella o del correo o di entrambi, nell’atto in cui li sorprenda in flagrante adulterio o illegittimo concubito, la pena è ridotta a meno di un sesto, sostituita alla reclusione la detenzione, e all’ergastolo è sostituita la detenzione da uno a cinque anni". È il codice penale Zanardelli, questo, quello del Regno d’Italia - 1889.

Ma quando il fascismo ci mette mano, le cose non cambiano granché. Art. 587 codice penale: "Chiunque cagiona la morte del coniuge, della figlia o della sorella, nell’atto in cui ne scopre la illegittima relazione carnale e nello stato d’ira determinato dall’offesa recata all’onor suo o della famiglia, è punito con la reclusione da tre a sette anni. Alla stessa pena soggiace chi, nelle dette circostanze, cagiona la morte della persona che sia in illegittima relazione carnale col coniuge, con la figlia o con la sorella". È il codice Rocco, questo - Regio Decreto 19 ottobre 1930.

Il femminicidio per esempio, anticamente chiamato “delitto d’onore”, non veniva affatto punito, anzi legittimato e considerato l’unica reazione/soluzione possibile, in caso di tradimento e disonore. Bastava parlare d’onore maschile e il delitto veniva assolto e giustificato.

Il delitto d’onore di un tempo attraversa la storia e le regioni, passando dal sud a tutto il resto del mondo, per diventare oggi, “femminicidio”. Eppure, ci fu il referendum sul divorzio nel 1974, ma il “delitto d’onore” fu cancellato dai nostri codici soltanto nel 1981. Vent’anni dopo il Divorzio. Le leggi sono sempre lente a recepire i cambiamenti del costume. E le donne continuano a essere uccise. Questa sentenza è un colpo nello stomaco. Come dire che più si è disturbati e più si è tutelati, una brutta scivolata sul terreno della legiferazione in materia di femminicidio. Si rischia di annullare anni di battaglie e di conquista di diritti fondamentali per le donne.

Monica Zinno
Presidente associazione Infanzia e Adolescenza “G.Rodari”

 

 

Search