Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 18 Giugno 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« June 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30

1 aprile 2019 - “Il percorso nascita in Calabria: stato dell’arte e proposte. Parlano le associazioni”

Posted On Lunedì, 01 Aprile 2019 02:19

“Il percorso nascita in Calabria: stato dell’arte e proposte. Parlano le associazioni”. È questo il titolo dell’incontro che si terrà oggi, lunedì 1 aprile, dalle ore 11.00 alle ore 13.00, all’Università della Calabria. Nell’aula seminari “Giovanni Arrighi” (piano terra cubo 0B) - Dipartimento di Scienze politiche e sociali, Monica Zinno (Presidente dell’associazione “Infanzia e Adolescenza G. Rodari”), le ostetriche Licia Aquino e Silvia Puntillo, incontreranno i ragazzi dell’Unical e alcune associazioni, come “Decol Femm Queer Lab” e “Casa Diritti sociali”.

Invece, il 2 aprile, dalle ore 09.00 alle ore 11.00, si terrà un dibattito su: “Medicalizzazione di gravidanza e parto, pratiche di empowerment e autonomia”. Oltre a Monica Zinno e Silvia Puntillo sarà presente Anna Domenica Mignuoli (Presidente associazione “Dall’Ostetrica”). A moderare i due seminari Laura Corradi, docente del corso “Studi di genere e metodo intersezionale”.

"Spesso la donna in gravidanza è trattata come se fosse malata. La nascita non è più vissuta come un evento fisiologico ma come una malattia che richiede esami e interventi sulla donna e sul nascituro. Dare alla luce un neonato diventa un fatto medico, dove la donna è oggetto di prassi ospedaliere. Con questi seminari - spiega Laura Corradi - intendiamo, dunque, sottolineare il protagonismo femminile nell’evento della nascita e discutere con gli studenti, del corso del parto come pratica di empowerment e autonomia delle donne. Discuteremo anche del nascere in casa in sicurezza e delle ricerche svolte dalle stesse ostetriche con le puerpere".

Nel corso dei seminari verrà proiettato il video “Nati in casa”. Si tratta di un monologo, scritto e interpretato da Giuliana Musso: è una riflessione sulla maternità, sull’atto - anche pratico - di mettere alla luce la vita, tra passato e presente. Ma è anche uno spettacolo di denuncia contro l’ipermedicalizzazione degli ospedali e le manovre mediche non consentite o abusate, dove viene meno la libera scelta della donna di vivere il parto in modo naturale: “La nascita è una normale funzione del nostro corpo, non una malattia”.

 

 

 

Search