Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 23 Maggio 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« May 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    

Domenico Miceli: “Campetto di viale dei Giardini, continua la privatizzazione da parte di Manna”

Posted On Sabato, 04 Maggio 2019 08:31

"Qualcuno potrebbe pensare che quello che sta accadendo al campetto di Viale dei Giardini, né più né meno, quello che accade da qualche giorno in tutta la città di Rende. Semplice manutenzione da campagna elettorale, poco male penseremo noi residenti della zona, finalmente il campetto tornerà agli antichi splendori. Invece no, è ancora più grave perché ai ragazzi ed ai bambini del quartiere più isolato di Rende verrà negato anche l’unico spazio pubblico in cui riuscivano ad aggregarsi."

E' quanto afferma Domenico Miceli, candidato a Sindaco alle prossime amministrative di Rende per il Movimento 5 Stelle. "L’operazione che sta portando avanti Manna su quel campo è un’operazione di privatizzazione. Lo spazio sarà concesso ad un privato che lo gestirà. Affronto questo tema con particolare trasporto, in quel campetto ci sono cresciuto anche io e oggi ci gioca mia figlia così come fanno i tantissimi bambini e giovani di Viale dei Giardini."

"Nel mio ruolo di consigliere di opposizione in questi cinque anni ho più volte richiesto la messa in sicurezza e il riammodernamento degli spazi pubblici di Viale dei Giardini, denunciando a più riprese il degrado dell’unica piazza ormai con la pavimentazione completamente divelta che in queste ore di campagna elettorale è in fase di restyling. E Manna che fa? Nega uno spazio pubblico per portare avanti, ancora una volta, gli interessi di un privato".

 

.

Search