Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Giovedì, 14 Novembre 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« November 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30  

Emma Staine: “il nostro obiettivo è quello di dimostrare che esiste una cultura sovranista con idee, proposte e un pensiero ben definito”

Posted On Martedì, 21 Maggio 2019 09:00

La settimana di incontri elettorali della candidata alle europee Emma Staine si è conclusa in Campania. Tre giorni intensi, che hanno portato la rappresentante della Lega a incontrare cittadini e sostenitori, ma anche tanti produttori in occasione della terza edizione di “Ciak Irpinia”, la rassegna promossa dal Consorzio di Tutela dei Vini d’Irpinia, con il patrocinio del Comune di Atripalda, della Provincia di Avellino e del Gal Irpinia Sannio. Un incontro proficuo, durante il quale i produttori hanno esposto problematiche e necessità per il futuro.

"A Bruxelles - ha dichiarato la Staine - il nostro obiettivo è quello di dimostrare che esiste una cultura sovranista con idee, proposte e un pensiero ben definito: creare sviluppo e lavoro per i nostri concittadini e le nostre imprese, tutelare la nostra identità e le nostre radici".Tante le iniziative pubbliche organizzate dai candidati della Lega alle amministrative, che hanno visto protagonista e ospite la Staine, in qualità di futura referente dei territori al Parlamento europeo.

"‹A volte si pensa che la disobbedienza sia un difetto. Per me è la migliore delle virtù - ha poi aggiunto la candidata per la Lega alle elezioni del 26 maggio prossimo nella circoscrizione Italia Meridionale - anche perché in passato, ma anche oggi, le più grandi cose sono state fatte con un atto di disobbedienza. Bisogna disobbedire a chi pensa che l’Europa sia quella dei tecnocrati ed è proprio per questo motivo che il 26 maggio non bisogna scegliere l’Europa prima di tutto ma i popoli prima di tutto, gli europei prima di tutto."

"L’Europa è la culla della civiltà ma io non accetto che si vada a pietire nulla. Di fronte allo “spirito del Paese” e alla predominanza del senso comune sul “buonsenso”, lo sdoganare pubblicamente, quasi incentivandolo, un comportamento che si concretizza con la disobbedienza può essere facilmente manipolato e strumentalizzato per finalità diverse. Dicono che siamo contro l’Europa ma non è vero: noi siamo contro questo tipo di Unione Europea che è ormai un “mostro” burocratico che non funziona e che sta distruggendo il nostro paese, la nostra economia e la nostra identità. Basta con l’Europa schiava delle banche e delle multinazionali che rispondono agli interessi delle lobby finanziarie".

La settimana appena iniziata vedrà la candidata Emma Staine impegnata in numerosi incontri organizzati in Calabria, con l’unico obiettivo di conoscere quante più comunità locali possibili e diventare portavoce delle istanze che provengono dai singoli territori, anche quelli più distanti da Bruxelles.

 

 

Search