Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 22 Settembre 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« September 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

In 1200 a Monte Curcio per godersi la Sila e la musica della Bandabardò

Posted On Martedì, 16 Luglio 2019 16:22

A Monte Curcio festa doveva essere e festa è stata. Una festa a cui hanno partecipato oltre 1200 persone che hanno assistito al concerto della Bandabardò, culmine della giornata di “Rifugi inCantati, musica, escursioni e gastronomia sulle vette silane” voluta dal G.A.L. Sila Sviluppo in questo secondo appuntamento dopo il prologo di marzo. "La Calabria è una terra che ci regala sempre forti emozioni - ha raccontato Erriquez, frontman della Banda toscana in tour per celebrare i 25 anni di attività - persino il nostro manager è di questa terra. Il concerto a Monte Curcio ci fornisce tantissime suggestioni, la più forte è stata quella di suonare alle tre del pomeriggio in un luogo così bello dal punto di vista naturalistico".

La scelta del G.A.L. Sila Sviluppo è stata ampiamente ripagata sia dai sei musicisti sul palco, sia dal pubblico sul prato ha danzato sulle note di “Manifesto”, “Ubriaco canta amore”, “L’estate paziente”, e, ovviamente, “Se mi rilasso collasso”. Un canto lungo più di un’ora e mezza che ha fatto ballare la vetta più alta della Sila cosentina. Tantissimi i viaggi della funivia messa a disposizione esclusivamente per il concerto da parte dell’Arsac che ha gestito, al meglio, la salita e la discesa di tutte le famiglie, amanti della musica e dei cultori della montagna arrivati sino in vetta dove, dalle 12, hanno trovato ad accoglierli la musica giovane dei “Moti rivoluzionari”, che hanno miscelato i loro inediti a cover di successo, e Leon Pantarei & Renanera con “Rhytmology” che ha fatto danzare il pubblico senza far dimenticare importanti temi sociali.

Presi d’assalto, ma con ordine, gli stand del percorso del gusto organizzati dal G. A. L. Sila in collaborazione con la rete di impresa Silautentica. Chi è arrivato a Monte Curcio ha potuto assaggiare panini preparati per ogni esigenza di gusto (da quello del Brigante silano doc a quelli vegetariani e vegani); le chips di patate silane Igp; le mozzarelle fresche dei caseifici della zona, birra artigianale agricola e vino locale. Una giornata all'insegna del turismo sostenibile e dei prodotti a km0 che ha permesso a tanti turisti di conoscere meglio la Sila e ciò che offre e che ha consentito di farla riscoprire a tanti calabresi in una maniera differente. Un esempio di esperienza sensoriale intensa per tutti gli spettatori.

Grazie al lavoro delle forze dell’ordine e degli operatori sanitari, anche quest’anno, non si sono registrati disordini o problemi di qualsiasi natura. Anche perché il pubblico di “Rifugi InCantati” è fatto da gente che vuole divertirsi e rilassarsi. “Rifugi InCantati” si inserisce in un contenitore più ampio, “Sapori e Colori lungo le sponde dei laghi silani”, progetto che gode del finanziamento dalla Regione Calabria previsto per eventi culturali storicizzati di carattere nazionale (Azione 1.1) L’obiettivo del G.A.L Sila Sviluppo è promuovere il territorio in tutti i suoi aspetti attraverso eventi artistico-musicali che diventino attrattore per valorizzare i beni ambientali e naturalistici all’interno del Parco Nazionale della Sila. L’intento, inoltre, è quello di valorizzare la montagna e accogliere i turisti in Sila come alternativa e affiancamento al mare calabrese.

 

Search