Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 22 Settembre 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« September 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Condannati a morte... in un ospedale pubblico, una mamma di 35 anni muore per emorragia dopo aver dato alla luce un figlio

Posted On Giovedì, 18 Luglio 2019 09:15

"Nel 2019 a Cetraro, in Calabria, in un ospedale pubblico, una mamma di 35 anni muore per emorragia dopo aver dato alla luce un figlio, sembra di essere ritornati a 50 anni fa o peggio. In un comprensorio che in questo periodo fa registrare circa 200 mila presenze tra turisti e residenti, un presidio sanitario non può e non deve, essere privo di medici chirurghi e sacche di sangue, nessuna giustificazione è plausibile. Vorrei capire cosa bisogna aspettare ancora, per risvegliarci dal profondo sonno della rassegnazione che ci fa tutti colpevoli, ammesso che ci sia qualcosa capace di ridestarci."

E' quanto scrive in una nota Raffaele Pappa (Coordinamento Italia del Meridione Provincia di Cosenza) all'indomani del tragico episodio successo nell'ospedale di Cetraro dove una giovane mamma, Santina Adamo, originaria di Rota Greca e residente a Montalto Uffugo (CS), è morta a seguito di una complicazione seguita al parto. "Mi auguro che i rappresentanti istituzionali, non solo del territorio ma dell’intera Calabria, oltre ad un minimo di orgoglio mettano in campo ogni azione a tutela della propria gente. Oggi più che mai è necessario alzarsi in piedi e far valere la dignità ed il rispetto per la vita, questa ennesima morte che grida vendetta - Conclude Papa - non può essere resa vana da una complice indifferenza. Se non lo fanno loro, occorre che i cittadini tutti mettano mano ai forconi."

La donna villeggiava a Fuscaldo con la famiglia, quando ieri si è recata in ospedale per partorire. Secondo quanto si è appreso, subito dopo il parto naturale, andato bene, la donna avrebbe avuto una forte emorragia e poco dopo è morta. I familiari hanno sporto denuncia ai carabinieri. Saranno le indagini, coordinate dalla Procura della Repubblica di Paola, a chiarire l'esatta dinamica dei fatti. La donna era già madre di un altro bimbo di tre anni.

 

 

Search