Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 19 Febbraio 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« February 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      

Poche leggi, molti regolamenti di attuazione e ancor più linee guida adottate a livello locale. L’ordinamento tedesco in materia di appalti è “molto tecnico e richiede un’efficace cooperazione tra figure esperte”, afferma Daniel Urso, esperto in materia all’interno del Rechtsanwaltskanzlei Pagliaro, studio legale con sede a Colonia. Come mai allora i dati forniti dall’ABZ, il centro di consulenza della Baviera per le aziende che vogliono partecipare agli appalti, raccontano che in Germania l’iter per l’aggiudicazione di un’opera pubblica si conclude in soli quattro mesi se si parla di un appalto a livello europeo, 6-8 settimane per quelli a livello nazionale e in 3-4 settimane se si tratta di una procedura semplificata? Il segreto sta principalmente nel livello di competenza e assistenza di cui godono i piccoli enti, come quei Comuni che invece in Italia fanno lievitare i tempi della gestione degli appalti fino a due anni e mezzo per la sola progettazione e altri 7 mesi per l’assegnazione.

Posted On Martedì, 18 Dicembre 2018 10:23

"Lavoriamo giorno e notte con le autorità italiane per conciliare le misure che vogliono varare con il rispetto delle regole di bilancio": lo ha detto, ai microfoni dell'emittente francese RTL, il commissario europeo agli Affari economici, Pierre Moscovici. Moscovici ha ribadito che "la Francia sarà l'unico paese a superare il 3% di deficit nel 2019" e "non ci saranno sanzioni". Moscovici ha anche spiegato di lavorare affinché, oltre alla Francia, "neppure l'Italia sia sanzionata": "penso che sarebbe negativo - ha aggiunto - e' un grande Paese della zona euro, in cui ha il suo posto".

Posted On Martedì, 18 Dicembre 2018 09:46

Al Consiglio straordinario a Bruxelles "oggi si parla di Brexit", mentre sulla manovra "avremo sicuramente qualche scambio". Lo afferma il presidente del Consiglio Conte arrivando al Consiglio precisando che ieri con Jean-Claude Juncker "c'è stato un clima molto sereno, di confronto, c'è un dialogo aperto". "Non abbiamo parlato di saldi finali", ha replicato il premier a chi gli chiedeva se si fosse discusso di numeri della manovra ma piuttosto delle "nostre riforme e del nostro piano".

Posted On Domenica, 25 Novembre 2018 12:44

Strasburgo - "Garantire vie legali d’accesso a chi fugge da guerre e persecuzioni e supportare le autorità locali delle regioni frontaliere che devono gestire gli arrivi dei migranti". Queste le soluzioni che ieri l’eurodeputata Laura Ferrara ha illustrato nel corso del suo intervento al Consiglio d’Europa per la sessione della Camera delle Regioni. "La Calabria, così come altre regioni frontaliere, si trova a gestire sotto forma di emergenza il fenomeno migratorio che dovrebbe essere invece gestito in termini comunitari. La sproporzione degli oneri in capo a sette, otto Stati membri ricade inevitabilmente sulle spalle delle autorità locali, in prima linea nell'affrontare le sfide del primo soccorso, le sfide dell’accoglienza, una fase cruciale e di grande responsabilità se si pensa ai soggetti più vulnerabili, come i minori non accompagnati per i quali i sindaci sono diretti responsabili".

Posted On Giovedì, 08 Novembre 2018 10:27
Pagina 1 di 3

Search