Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 19 Febbraio 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« February 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28      

Tragedia nel mondo dell’atletica, una notizia terribile, che ricorda i casi nel calcio di Robert Enke e Gary Speed, rispettivamente portiere della nazionale tedesca e ct del Galles. Maura Viceconte, 51 anni, azzurra all'Olimpiade di Sydney 2000 e tuttora primatista italiana dei 10.000 metri, ha fatto come loro: si è suicidata. La conferma è arrivata dai carabinieri della compagnia di Susa che hanno trovato il corpo dell'atleta nel pomeriggio di ieri, 10 febbraio, presso la sua abitazione presso Chiusa San Michele (To), suo paese d’origine, in Val di Susa, dove era tornata ad abitare da alcuni anni. La stesse fonti precisano che si è impiccata, particolare terribile che accomuna ancor di più la sua storia a quella di Speed.

Posted On Lunedì, 11 Febbraio 2019 11:00

“Da familiare di vittima innocente di mafia e nella qualità di Coordinatore nazionale dei familiari di vittime di mafia per l’Associazione che rappresento, al fine di evitare ulteriori accostamenti della categoria con persone che non hanno alcun riconoscimento ministeriale, ritengo opportuno far chiarezza su uno status che non può, né deve essere, autoproclamato o assegnato da associazioni o da altri soggetti che non ne hanno titolo.” Ad affermarlo è Giuseppe Ciminnisi, Coordinatore nazionale dei familiari di vittime di mafia, dell’associazione “I Cittadini contro le mafie e la corruzione”.

Posted On Sabato, 02 Febbraio 2019 09:04

S'infittisce il mistero intorno alla morte di Sissy Trovato Mazza. L'agente di polizia si è spenta il 12 gennaio dopo due anni di coma, ridotta in stato vegetativo da un colpo di pistola esploso da mano ignota nel vano dell'ascensore dell'ospedale civile di Venezia, dove era in servizio esterno. Fanpage.it ha raccolto la testimonianza di alcune anonime detenute del carcere di Giudecca, dove Sissy prestava servizio. Secondo loro, la sua morte non è stata un caso, ma chi ha colpito voleva ucciderla perché aveva scoperto troppe cose: spaccio di droga all'interno del carcere e una relazione tra una detenuta e un'agente.

Posted On Giovedì, 31 Gennaio 2019 10:15

Novità già nelle prossime ore sulla Sea Watch 3, dopo l’accordo raggiunto dal premier Giuseppe Conte con Germania, Francia, Portogallo, Romania e Malta per la distribuzione dei 47 migranti a bordo della nave battente bandiera olandese ormai da 12 giorni in mare e da 5 nella rada di Siracusa. La gestione dello sbarco dei migranti e della fase successiva - con la distribuzione nei paesi interessati dall’accordo stretto da Conte a Cipro - è stata al centro del vertice a palazzo Chigi terminato a tarda notte, attorno all’1 e 30, tra il presidente del consiglio e i due vicepremier, Luigi Di Maio e Matteo Salvini.

Posted On Mercoledì, 30 Gennaio 2019 09:13
Pagina 1 di 25

Search