Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 22 Settembre 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« September 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

“L’accelerazione della strage di Via D’Amelio è certa, bisogna chiedersi quale fu il motivo. La lettura che noi avevamo dato è che il giudice Paolo Borsellino potesse rappresentare un ostacolo alla prosecuzione della trattativa Stato-mafia. E la sentenza di primo grado dello stesso processo Trattativa si avvicina molto a questa tesi”. A dirlo è il pm, già nel pool di Palermo, Roberto Tartaglia, che sostenne l’accusa nel processo sulla stessa Trattativa e che oggi ha lasciato la Procura per diventare consulente della Commissione Antimafia. Grazie anche al suo lavoro, l’istituzione presieduta da Nicola Morra ha deciso di togliere il segreto dargli archivi e dagli atti raccolti dal 1962, a partire dalla pubblicazione delle stesse audizioni inedite di Borsellino a San Macuto, sede dell’Antimafia, tra il 1981 e il 1991.

Posted On Venerdì, 19 Luglio 2019 10:09

Non ce l’ha fatta. Il piccolo Simone D’Antonio dopo più di due giorni di agonia è morto intorno alle dodici di oggi al Policlinico di Messina. Era stato ricoverato nella notte tra giovedì e venerdì in terapia intensiva pediatrica dove era arrivato in elisoccorso da Vittoria. A Messina per giorni si sono alternati gli specialisti del Policlinico. "Al suo arrivo avevamo già giudicato le sue condizioni gravissime. Abbiamo tentato in tutti i modi di salvarlo, ma ogni terapia non è bastata a farlo rimanere in vita. Siamo rammaricati", dice Eloise Gitto, direttrice del reparto di Terapia Intensiva.

Posted On Domenica, 14 Luglio 2019 19:15

Ogni anno circa 120mila abitanti in meno. Tanti sono stati i cervelli in fuga dall’Italia in media dal 2008, l’anno di inizio della crisi, tenendo in considerazione solo chi parte. La perdita di capitale umano (laureati e non) è stata raccontata al Festival dell’Economia di Trento da Massimo Anelli, docente del dipartimento di scienze politiche e sociali dell’Università Bocconi. Tenendo conto anche dei rientri dal 2008 è scomparsa una città delle dimensioni di Bologna, quasi 390mila abitanti. Il paragone è impari con il fenomeno dell’immigrazione. Se ogni settimana gli italiani che lasciano il paese attraversassero il mare, su un barcone ci sarebbe 2300 italiani ogni sette giorni (di media i migranti sono stati nel 2018 258 a barcone).

Posted On Domenica, 14 Luglio 2019 09:47

Sono stati respinti dal Consiglio di Stato i ricorsi presentati dalle compagnie telefoniche Vodafone, Wind-3 e Fastweb contro le decisioni del Tar relative alle bollette telefoniche a 28 giorni. Le compagnie ora per effetto della decisione dovranno ora restituire i 'giorni illegittimamente erosi' dal giugno 2017, quando cambiarono le contabilità dei mesi. La sentenza del Tar, oggi confermata, prevedeva inizialmente la 'restituzione' di questi giorni entro il 31 dicembre 2018, ma il ricorso delle compagnie aveva bloccato la procedura. Il meccanismo sarà quello della compensazione con le fatturazioni future.

Posted On Venerdì, 12 Luglio 2019 18:13
Pagina 1 di 31

Search