Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Domenica, 22 Settembre 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« September 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            

Oggi il fabbisogno di sangue nella nostra provincia, e in particolare a Cosenza, è crescente a tal punto da non consentire alla città l'autosufficienza. L'Ospedale dell'Annunziata, infatti, molto spesso è costretto a rivolgersi a centri di raccolta di altre province per assicurare le unità di sangue necessarie. Come certamente saprete, il sangue umano non può essere sostituito da nessun altro farmaco né da altri composti sintetizzati in laboratorio, diventa dunque indispensabile aumentare il numero dei donatori volontari che possano coprire le molteplici richieste che giornalmente arrivano dalle varie strutture sanitarie del capoluogo. La domanda aumenta in continuazione e le donazioni non seguono lo stesso andamento.

Posted On Sabato, 13 Luglio 2019 12:52

Stessa qualità, ma metà delle radiazioni emesse, questo vuol dire dimezzare la quantità di radiazioni nocive che entrano nel nostro corpo ogni volta che ci sottoponiamo a questo tipo di procedura diagnostica, ed essere colpiti dalla metà delle radiazioni, per fare lo stesso esame è sicuramente un fattore positivo per chiunque abbia necessità di farla, soprattutto per i malati oncologici che sono si sottopongono a numerose Tac. Questo nuovo protocollo che permette di ridurre del 40-60% l’esposizione garantendo una buona qualità dell’immagine è stato progettato da due giovani ingegnere cliniche di Napoli, Federica Caracò dell’Università degli studi Federico II e Michela D’Antò, della Fondazione G. Pascale.

Posted On Sabato, 13 Luglio 2019 11:11

Togliete i cellulari dalle mani dei vostri figli e restituite loro i meccanismi naturali della creatività. La tecnologia può rappresentare un male. Essa rappresenta uno strumento comunicativo a cui i bambini vanno abituati e a cui devono accedere; la conoscenza tecnologica (compresa quella social) va approfondita in una logica di competenze e di sfruttamento dei sistemi che la caratterizzano. Il web apparterrà alla vita dei nostri figli, sia per lavoro, sia nelle quotidianità. I genitori, insieme alla scuola, dovrebbero concorrere positivamente all’educazione web dei ragazzi favorendone l’accesso razionale e consapevole alla rete.

Posted On Giovedì, 11 Luglio 2019 15:29

Dalla cataratta al distacco di retina, fino al glaucoma, i circa 7.000 medici oculisti presenti in Italia ogni anno salvano la vista a un milione e 300mila persone. Entro il 2025 il numero di chi soffre di queste malattie è destinato a triplicare ma, ancora oggi, per una patologia grave come la maculopatia, quasi 2 pazienti su 3 non hanno accesso alle terapie o lo hanno solo in parte. A lanciare l'allarme, il presidente della Società Oftalmologica Italiana (Soi) Matteo Piovella, in occasione della conferenza stampa presso la sala Nassirya del Senato.

Posted On Giovedì, 23 Maggio 2019 10:29
Pagina 1 di 14

Search