Per offrire informazioni e servizi, questo portale utilizza cookie tecnici, analitici e di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su qualunque altro link nella pagina o, comunque, proseguendo nella navigazione del portale si acconsente all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni sui cookie e su come eventualmente disabilitarli consultare l'informativa sulla Privacy

Martedì, 15 Ottobre 2019
itenfrdees

Search

Rubriche

« October 2019 »
Mon Tue Wed Thu Fri Sat Sun
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      

È quanto accaduto negli ultimi 15 anni. E tra i laureati, la perdita di capitale umano è ancora più grave: quasi 60 mila sono emigrati con il 63,5% tra i più giovani. Duro j’accuse degli imprenditori: "La nostra regione offre poche opportunità e scarsa stabilità lavorativa. E la burocrazia soffoca le aspettative delle nuove generazioni mortificandone la meritocrazia". Giovane under 35 anni, prioritariamente di sesso maschile, preferibilmente laureato, meglio se con un dottorato di ricerca in tasca. È questo l’identikit prevalente del “cervello in fuga”, fenomeno crescente che oltre alle gravi conseguenze per le speranze di crescita del territorio calabrese genera anche costi sociali legati alla perdita delle risorse economiche impiegate per l’istruzione dei laureati che poi decidono di lasciare la Calabria.

Posted On Lunedì, 19 Novembre 2018 10:29

Arance e clementine prodotte dalle aziende calabresi spopolano in questo periodo nella rete dei mercati di Campagna Amica di Veneto, Lombardia, Piemonte ed Emilia. A darne notizia è Coldiretti Calabria. "Attraverso i nostri prodotti di punta, in questo caso gli agrumi - afferma il direttore regionale Francesco Cosentini - tra l'altro vengono esaltate e fatte conoscere le peculiarità del territorio di provenienza. Si crea un rapporto diretto con i consumatori che non sono più 'clienti' ma persone titolari del diritto ad una sana alimentazione".

Posted On Mercoledì, 14 Novembre 2018 11:12

 

Ettore Prandini, 46 anni, lombardo con tre figli, laureato in giurisprudenza è il nuovo Presidente nazionale di Coldiretti. E’ stato eletto all’unanimità dall’Assemblea dei delegati di tutte le regioni riunita presso Palazzo Rospigliosi a Roma. Insieme al presidente Regionale Franco Aceto, all’assemblea hanno partecipato i dirigenti della Coldiretti della Calabria. Nel suo indirizzo di saluto dopo l’elezione il neo-presidente nazionale ha rivolto parole di grande attenzione e di personale impegno per Sud Italia che - ha detto - “ha capacità, uomini e possibilità di straordinario valore e questo trova riscontro nella crescita dell’agricoltura e dell’agroalimentare e di quanto stanno facendo moltissime nuove imprese condotte da giovani nate nel settore agricolo."

Posted On Mercoledì, 07 Novembre 2018 15:32

Una parte di consumatori lo aspettava per abbinarlo in particolare ai prodotti autunnali quali castagne e funghi. Ebbene puntuale è  arrivato sulle tavole il vino novello  Made in Italy con le circa 20mila bottiglie prodotte in Calabria nel 2018. Lo rende noto la Coldiretti nel sottolineare che quest’anno il “deblocage” è anticipato, secondo quanto disposto dal decreto del ministero delle Politiche agricole, di oltre due settimane rispetto al concorrente Beaujolais nouveau francese che si potrà invece assaggiare solo a partire dal 15 novembre prossimo.

Posted On Giovedì, 01 Novembre 2018 12:26
Pagina 5 di 8

Search